Passa ai contenuti principali

DIRITTO DI FAMIGLIA E MINORI - Avv. Stefania Cita

Separazione e divorzio, in presenza di figli, costituiscono una materia molto delicata. Con legge del 2006 il legislatore ha ribadito il principio in base al quale i figli minori devono    poter mantenere un rapporto equilibrato e regolare con entrambi i genitori ed ha previsto le diverse fattispecie relative all'affidamento. L'opzione prioritaria è l'affidamento condiviso ovvero la possibilità che i minori vengano affidati ad entrambi i genitori. La legge parla anche dell'affido alternato, che si configura quando il minore vive a fasi alterne prestabilite con il padre e con la madre, e di affido esclusivo, che si ha quando, per ragioni di tutela del minore, questi viene affidato solo ad uno dei genitori.  Altra questione spinosa è quella relativa al mantenimento economico. Di norma il genitore non convivente in modo stabile è tenuto a versare un assegno mensile per contribuire alle spese ordinarie per il figlio minorenne, ma è obbligato a contribuire anche alle spese straordinarie, come quelle sanitarie, scolastiche e del tempo libero. Il giudice può stabilire un contributo anche a beneficio del figlio maggiorenne che non sia ancora autosufficiente dal punto di vista economico. L'obbligo persiste anche nel caso in cui questi protragga gli studi e può essere ritoccato in relazione alle accresciute necessità del figlio o alle aumentate possibilità reddituali del genitore.  Non meno rilevante il tema dell'assegnazione della casa. Oggi l'orientamento prevalente è l'affido condiviso, pertanto la casa coniugale viene assegnata non al genitore affidatario (salvo affido esclusivo), bensì al genitore con cui i figli, sia minori che maggiori non indipendenti, convivono prevalentemente, che è solitamente la madre.  Normalmente gli accordi tra i coniugi che vogliono separarsi sono definiti con la mediazione di un avvocato divorzista  esperto in diritto di famiglia e tutela dei minori - Avv.Stefania  Cita - il quale diventa indispensabile nel caso vi siano forti conflittualità.
          ####
La separazione coniugale è un evento traumatico per i  coniugi in special modo nel caso in cui vi siano dei figli. Ciò succede  soprattutto perché nella maggior parte dei casi i coniugi non sono nella  stessa posizione in quanto uno dei due ha una volontà predominante  rispetto all'altra parte che, invece, subisce la separazione. Questa  diversità genera un'elevata conflittualità dei coniugi che si ripercuote  sui figli, questi nella maggior parte dei casi tendono anche a sentirsi  colpevoli. Un avvocato esperto in diritto di famiglia può aiutare i coniugi nell'affrontare questa delicata fase in  cui si deve cercare un equilibrio rispetto alla elevata conflittualità. Un avvocato esperto in diritto di famiglia, dopo aver valutato attentamente i  bisogni di entrambi i coniugi, potrà suggerire le soluzioni più adeguate e,  se dal matrimonio sono nati dei figli, la sua presenza sarà indispensabile. Vanno infatti stabilite le modalità di affidamento e di  visita della prole che deve essere tutelata e non danneggiata in alcun  modo dalla decisione dei genitori di porre fine al loro matrimonio. Tra  l'altro, in presenza di figli, il tribunale che deve omologare la  separazione consensuale può modificare l'accordo tra i coniugi  nell'interesse della prole. Senza il parere di un avvocato  esperto si corre il rischio di prendere decisioni che il tribunale non  considererà idonee e che potrà rettificare a sua discrezione  scontentando entrambe le parti. Sarà, inoltre, necessario il parere in conseguenza della Legge n. 54/2006 entrata in 7vigore il 16 marzo 2006, legge che ha introdotto l’affido condiviso. La legge ha disciplinato in modo differente, rispetto al passato, i rapporti tra i genitori ed i figli conseguenti alla separazione o divorzio. L’innovazione consiste nel principio generale l’affidamento dei figli ad entrambi i genitori e non più ad un solo. Sarà pertanto necessario regolamentare i tempi e le modalità di visita / presenza dei figli presso ciascun genitore e determinare la misura con cui ciascuno di essi dovrà contribuire al loro mantenimento, cura e istruzione.Per  la separazione consensuale, viste le difficoltà a cui vanno  incontro i due coniugi per stabilire un accordo in presenza di prole, non è possibile fare a meno dell'assistenza di un avvocato esperto in diritto di famiglia. 

AVV. STEFANIA CITA
C.SO SAVONA N. 10-10024-MONCALIERI-TO
Tel. 0116406134 -Mobile 3398052030
NUMERO VERDE - 800.030.198
E-MAIL: stefaniacita@libero.it

Post popolari in questo blog

SEPARARSI QUANDO IL CONIUGE E' IRREPERIBILE - Avv. Stefania Cita

I casi di irreperibilità del coniuge sono più frequenti di quanto non si possa immaginare. La condizione di irreperibilità si verifica nel momento in cui una delle due parti fa in modo di non lasciare un recapito a cui può essere rintracciato. I modi per rendersi irreperibile sono diversi: trasferimento di residenza senza comunicare lo spostamento, trasferimento all'estero senza comunicazione al consolato sono le fattispecie più comuni quando si tratta di cittadini italiani. Ma l'irreperibilità è frequente soprattutto per i cittadini stranieri che, dopo la separazione dal coniuge, scelgono di tornare nel loro Paese o di andare in un altro Stato estero facendo perdere le loro tracce.
Anche quando il coniuge diventa irreperibile e non dà più notizie di sé è possibile ottenere la separazione ed il divorzio.Per chiedere la separazione/divorzio da un coniuge irreperibile è necessario aprire un contenzioso giuridico. Si deve, quindi, avviare una procedura tramite l'avvocato, tenu…

RIMBORSO SPESE STRAORDINARIE - Avv. Stefania Cita

Il riparto delle spese straordinarie é materia come noto, molto delicata, perché oggetto di non poche controversie soprattutto nei casi - tutt'altro che infrequenti - di disaccordo fra genitori sulla quantificazione delle spese oggetto degli obblighi di mantenimento.Per affrontare la materia e cercare di fornire linee guida per la gestione di situazioni tutt'altro che inusuali è intervenuto, attraverso un accordo stipulato fra l'Ordine degli Avvocati di Torino e il competente Tribunale, il Protocollo di Torino del 15.03.2016.In particolare, l'accordo interviene sull'argomento, sotto due profili.Il primo, potremmo dire, di natura concettuale, nella misura in cui punta a dare una sostanziale definizione di ciò che può o meno rientrare nell'ambito delle spese straordinarie.Il secondo invece, di carattere operativo, perché introduce delle novità sul piano delle comunicazioni che dovranno intervenire fra ex coniugi per il riconoscimento delle spese stesse.Quanto all…

IL MINORE CHE NON VUOLE VEDERE IL GENITORE NON COLLOCATARIO - Avv. Stefania Cita

La disciplina relativa all'affidamento dei figli in caso di separazione dei genitori ha subito negli anni una vera rivoluzione. Ad oggi, in virtù della legge 54 del 2006, è previsto che il regime ordinario sia quello dell'affidamento condiviso con collocamento del minore presso uno dei genitori. Per i grandi minori è prevista anche l'audizione degli stessi al fine di determinare con quale dei due vuole convivere. Problemi possono sorgere quando il minore rifiuta di vedere il genitore non collocatario. Cosa fare in questo caso?

Le disposizioni normative da tenere in considerazione sono diverse, ma non sono l'unico punto di riferimento, infatti, in materia anche la giurisprudenza ha una certa rilevanza. L'articolo 337 del Codice Civile stabilisce il diritto del figlio ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori, ma la cosa si complica se il figlio non vuole vedere uno dei genitori e manifesti malessere. In tali casi è necessario capire qual…