Passa ai contenuti principali

MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE - Avv. Stefania Cita


Le condizioni della separazione rappresentano uno dei provvedimenti più importanti presi in caso di separazione personale dei coniugi. Esse stabiliscono il diritto all'assegno di mantenimento, il diritto all'assegno alimentare e il loro ammontare in base alle condizioni economiche delle parti. In particolare deve essere assicurato al coniuge economicamente più debole un assegno che permetta di mantenere lo stesso tenore di vita che aveva in costanza di matrimonio. Vengono altresì stabiliti i doveri e gli obblighi verso la prole con orari di visita e modalità delle stesse.
E' ovvio che la ratio che sottende all'adozione di queste misure secondo un determinato ammontare, o che stabilisce orari e giorni di visita possa subire delle modifiche ed allora è opportuno modificare anche le condizioni della separazione.
Un esempio è dato dal caso in cui il coniuge economicamente debole abbia una modifica delle sue condizioni economiche personali, questo porta alla possibilità di ridurre l'ammontare dell'assegno di mantenimento, stessa possibilità anche nel caso in cui lo stesso inizi una convivenza stabile e dalla stessa riceva un beneficio economico. Può anche accadere che la modifica riguardi il tenore di vita di chi versa l'assegno, in questo caso può chiedere una modifica delle condizioni della separazione in modo che l'assegno sia congruo a tale nuova situazione. Per quanto riguarda i provvedimenti riguardanti i figli, un esempio ne può essere il trasferimento per motivi di lavoro che può portare ad una modifica degli orari di visita. Queste sono solo alcuni casi in cui si rivela utile avere la possibilità di apportare modifiche alle condizioni della separazione.
La modifica deve essere chiesta da uno dei coniugi. Mentre in passato la procedura era giudiziaria, oggi grazie al decreto sblocca Italia (decreto legge 132 del 2014) le condizioni della separazione possono essere effettuate con negoziazione assistita. In questo caso basta recarsi dall'avvocato e siglare un accordo che preveda nuovi contenuti. Questa procedura dovrebbe esortare gli ex coniugi a ricorrere a tale misura in modo più frequente al fine di adattare il contenuto delle condizioni della separazione al divenire della vita senza dover affrontare spese giudiziarie, inoltre, essendo una procedura veloce, diminuisce anche la litigiosità degli ex coniugi con beneficio per tutti i coinvolti. 



AVV. STEFANIA CITA
VIA L. EINAUDI N. 29-10024-MONCALIERI-TO
Tel. 011.0240896 -Mobile 3398052030

Post popolari in questo blog

IL MINORE CHE NON VUOLE VEDERE IL GENITORE NON COLLOCATARIO - Avv. Stefania Cita

La disciplina relativa all'affidamento dei figli in caso di separazione dei genitori ha subito negli anni una vera rivoluzione. Ad oggi, in virtù della legge 54 del 2006, è previsto che il regime ordinario sia quello dell'affidamento condiviso con collocamento del minore presso uno dei genitori. Per i grandi minori è prevista anche l'audizione degli stessi al fine di determinare con quale dei due vuole convivere. Problemi possono sorgere quando il minore rifiuta di vedere il genitore non collocatario. Cosa fare in questo caso?

Le disposizioni normative da tenere in considerazione sono diverse, ma non sono l'unico punto di riferimento, infatti, in materia anche la giurisprudenza ha una certa rilevanza. L'articolo 337 del Codice Civile stabilisce il diritto del figlio ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori, ma la cosa si complica se il figlio non vuole vedere uno dei genitori e manifesti malessere. In tali casi è necessario capire qual…

ASPETTI PATRIMONIALI - Avv. Stefania Cita

Il divorzio genera effetti patrimoniali complessi, per la cui gestione è consigliabile affidarsi alla competenza specialistica di un avvocato, particolarmente in merito alla divisione dei beni, al mantenimento e alla richiesta di addebito.  La principale questione, dal punto di vista patrimoniale, è quella dell'assegnazione della casa cosiddetta coniugale. Si intende, in questo senso, la casa che ha costituito, durante la convivenza matrimoniale, il centro di aggregazione della famiglia. Si escludono, pertanto, eventuali seconde case o altri immobili, che rientrano, invece, nella divisione dei beni. La legge tutela prioritariamente la posizione dei figlipertanto, se ve ne sono, la casa viene assegnata al genitore che convive stabilmente con loro (in caso di affidamento condiviso) o affidatario (in caso di affido esclusivo). In assenza di figli, il coniuge non proprietario non avrebbe, in genere, diritto ad ottenere la casa. La maggioranza dei giudici ritiene oggi che la casa con…

SEPARAZIONE GIUDIZIALE - Avv. Stefania Cita

Laseparazione giudizialeavvienequando solo uno dei due coniugiesprime la volontà di interrompere il vincolo matrimoniale, oppure quando, seppure entrambi abbiano deciso di porre fine al matrimonio, non trovino un accordo per l'affidamento dei figli, la divisione dei beni o la corresponsione dell'assegno di mantenimento o degli alimenti.Il procedimento ha una durata di alcuni anni, ma il ricorso a tale tipo di separazionesi rivela necessario in diversi casi. Quando uno dei due coniugi è vittima di violenze, raramente vi è consensualità e il ricorso al procedimento giudiziale non solo consente di porre fine al legame,ma anche di ottenere l'addebito per colpa.La colpa è determinata però anche da altri comportamenti che violino quelli che sono gli obblighi matrimoniali, e dunque la si può far riconoscere anche in caso di ripetuti tradimenti, cessazione della convivenza o mancata assistenza.E' chiaro che il riconoscimento di colpa non è contemplato nella separazione consens…