Passa ai contenuti principali

DIRITTO AL TFR DEL CONIUGE DIVORZIATO - Avv. Stefania Cita-Torino


Il trattamento di fine rapporto (tfr) consiste in una somma accantonata mensilmente tramite una trattenuta sullo stipendio, che verrà restituita al lavoratore per intero, al momento della cessazione del rapporto di lavoro, qualunque sia la causa.In caso di divorzio, l'ex lavoratore ha il dovere di versare all'ex coniuge una quota del tfr in misura del 40% ma in proporzione agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio. Ad esempio, se il tfr ammonta a 1000€ a fronte di 10 anni di versamenti, l'ex coniuge avrà diritto fino a 400 €. Se però il matrimonio è durato solo 6 dei 10 anni durante i quali sono stati effettuati i versamenti (o trattenute), l'ex coniuge dovrà percepire solo 240 €.

Inoltre il diritto a tale percentuale sul ftr da parte dell'ex coniuge, matura solo nel momento in cui questi è già percettore di un assegno divorzile scadenzato, cioè solo se si trova nelle condizioni di cui all'art. 5 della Legge 898 del 1970 (non autosufficiente e che non risulti unito in seconde nozze). 
Il diritto alla percezione della quota del tfr da parte del coniuge divorziato viene inoltre a cadere, 
- nel caso in cui la somma relativa agli alimenti gli sia stata corrisposta in un'unica soluzione;
- qualora il tfr sia maturato prima del perfezionamento del divorzio, il diritto avverrà in giudicato e sarà esposto in sentenza.
Se invece il tfr matura dopo il divorzio, il coniuge interessato dovrà reclamare il proprio diritto tramite istanza in tribunale. Ovviamente tale beneficio gli verrà accordato solo se in condizioni di cui all'art. 5, cioè se percepisce un assegno divorzile periodico e se nel frattempo non è convolato a nuove nozze.
In caso di decesso del coniuge che ha maturato il tfr, la somma relativa rientra nell'asse ereditario e sarà suddivisa fra gli eredi del de cuius (sentenza n. 4867/2006).




AVV. STEFANIA CITA
________________________________

VIA L. EINAUDI N. 29-10024-MONCALIERI-TO
Tel. 011.0240896 -Mobile 3398052030

Post popolari in questo blog

IL MINORE CHE NON VUOLE VEDERE IL GENITORE NON COLLOCATARIO - Avv. Stefania Cita

La disciplina relativa all'affidamento dei figli in caso di separazione dei genitori ha subito negli anni una vera rivoluzione. Ad oggi, in virtù della legge 54 del 2006, è previsto che il regime ordinario sia quello dell'affidamento condiviso con collocamento del minore presso uno dei genitori. Per i grandi minori è prevista anche l'audizione degli stessi al fine di determinare con quale dei due vuole convivere. Problemi possono sorgere quando il minore rifiuta di vedere il genitore non collocatario. Cosa fare in questo caso?

Le disposizioni normative da tenere in considerazione sono diverse, ma non sono l'unico punto di riferimento, infatti, in materia anche la giurisprudenza ha una certa rilevanza. L'articolo 337 del Codice Civile stabilisce il diritto del figlio ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori, ma la cosa si complica se il figlio non vuole vedere uno dei genitori e manifesti malessere. In tali casi è necessario capire qual…

SEPARARSI QUANDO IL CONIUGE E' IRREPERIBILE - Avv. Stefania Cita

I casi di irreperibilità del coniuge sono più frequenti di quanto non si possa immaginare. La condizione di irreperibilità si verifica nel momento in cui una delle due parti fa in modo di non lasciare un recapito a cui può essere rintracciato. I modi per rendersi irreperibile sono diversi: trasferimento di residenza senza comunicare lo spostamento, trasferimento all'estero senza comunicazione al consolato sono le fattispecie più comuni quando si tratta di cittadini italiani. Ma l'irreperibilità è frequente soprattutto per i cittadini stranieri che, dopo la separazione dal coniuge, scelgono di tornare nel loro Paese o di andare in un altro Stato estero facendo perdere le loro tracce.
Anche quando il coniuge diventa irreperibile e non dà più notizie di sé è possibile ottenere la separazione ed il divorzio.Per chiedere la separazione/divorzio da un coniuge irreperibile è necessario aprire un contenzioso giuridico. Si deve, quindi, avviare una procedura tramite l'avvocato, tenu…

RECUPERO COATTIVO DELLE SPESE STRAORDINARIE - Avv. Stefania Cita

In caso di divorzio, separazione o cessazione di convivenza dei genitori i figli, se non economicamente autosufficienti o minorenni, hanno il diritto di ricevere dal genitore non collocatario, cioè da quello con cui i figli non vivono stabilmente, l’assegno per il mantenimento e il versamento di una somma pari al 50% delle cosiddette spese straordinarie.
Cosa si intende per assegno di mantenimento? Si tratta di un importo fisso che va versato mensilmente.

Cosa si intende per spese straordinarie? Le spese straordinarie riguardano eventi eccezionali ed imprevedibili, come quelli di ambito medico, scolastico o sportivo che comportano appunto l’erogazione di somme saltuarie.
Cosa succede se il genitore non collocatario si rifiuta di pagare? Nel caso in cui il genitore non collocatario si rivelasse inadempiente ai propri doveri è possibile per l’altro genitore tutelarsi sia civilmente che penalmente.

Tutela civile Se a venir meno è l’assegno mensile allora è possibile passare direttamente al pigno…